“Il 3D fa male ai bambini”

Pubblicato: 30 dicembre 2010 in Tecnologia

Guardare troppo la tv fa male agli occhi. Una frase ripetuta all’infinito dai genitori ai figli piccoli. Ora la parte di mamma e papà la fa nientemeno che Nintendo, azienda storica di videogiochi.

Che sulla versione giapponese del proprio sito avverte che la nuova console di gioco portatile, il 3DS, non dovrà essere usata nella modalità a tre dimensioni da parte dei giocatori sotto i 6 anni. L’avvertimento in realtà si estende a tutto il 3D ed è ancora più serio se si considera che viene da un’azienda che il 26 febbraio (in Giappone, a marzo nel resto del mondo) lancerà la nuova macchina da gioco che permette una visione stereoscopica senza bisogno di utilizzare gli occhialini.

500x_3dscreen.jpg

Come spiega il comunicato rilasciatodalla compagnia guidata da Satoru Iwata, “i bambini dai sei anni in giù potranno giocare solo in modalità 2D poiché esporre gli occhi a immagini in 3D per un lungo periodo può avere effetti negativi sulla vista”. La nuova console è dotata di una levetta che permette di decidere la profondità delle immagini fino ad arrivare all’azzeramento completo dell’effetto tridimensionale dello schermo. Secondo gli esperti giapponesi la vista dei più piccoli è ancora in fase di sviluppo, dunque le modalità con cui lavora il 3D – fornendo immagini differenti ai due occhi – “ha potenziali impatti negativi sullo sviluppo degli occhi dei bambini”.
Se da Nintendo suggeriscono l’uso della console in modalità 2D per i più giovani (con la possiblità di usare un “parent lock” per le tre dimensioni) – e invitano comunque tutti a non abusare della console, consigliando di fare una pausa ogni mezz’ora di gioco -, l’avvertimento che viene da Kyoto è che tutto il 3D può fare male agli occhi. Non solo quello senza occhiali. E, come detto, se l’allarme arriva dal produttore stesso di un device per il 3D, a meno di particolari volontà autolesionistiche da parte di Nintendo, la cosa fa una particolare impressione.
Sotto una traduzione in inglese del testo riportato dal sito:
We will recommend that very young children not look at 3D images,” [Reggie] said. “That’s because, [in] young children, the muscles for the eyes are not fully formed… This is the same messaging that the industry is putting out with 3D movies, so it is a standard protocol. We have the same type of messaging for the [1990s Nintendo virtual reality machine] Virtual Boy, as an example“.


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...